Sicurezza nei tappeti elastici, da cosa si vede

La sicurezza dei migliori tappeti elastici si vede da come reagiscono nelle difficoltà. I trampolini più saldi e ferrati non si muoveranno di una virgola, neanche durante un nubifragio o in presenza di violente raffiche di vento. Se mancano gli accessori nella confezione, si possono poi sempre acquistare a parte. Alcuni elementi, che non sono compresi nel prezzo, possono rivelarsi utilissimi sia per la funzionalità che la sicurezza del trampolino. Ad esempio, si potrebbe voler montare un recinto di sicurezza, in grado di prevenire rovinose cadute, una sorta di rete di protezione per saltare in piena tranquillità. Anche una scaletta per l’accesso al telo può essere un elemento accessorio di grande utilità. Pure in questo caso, se manca nel kit, è sempre possibile acquistarla separatamente e montarla per aiutare i bimbi a salire sul telo senza fatica e senza farsi male.

Fra gli altri accessori in commercio ci sono anche delle speciali coperture per proteggere il telo dalle ‘bizze’ del meteo, si tratta generalmente di una coperta da posizionare sul telo, molto spesso con un foro centrale per permettere all’acqua piovana di defluire. Questa soluzione è ideale se si deve andare in vacanza e non si vuole lasciare il proprio tappeto elastico senza protezione da eventuali fenomeni temporaleschi o altre minacce meteorologiche. Un altro parametro su cui basarsi nell’acquisto è l’età di chi salta. Esistono trampolini suddivisi per portata e fascia di età, come si può apprendere in modo più approfondito sul portale web di settore www.sceltatappetoelastico.it ma, in genere, a parte quelli per bambini piccolissimi su un tappeto per adulto può saltare anche un ragazzo.

Inoltre, acquistare un tappetino per bimbi di pochi anni comporta il rischio, più che realistico, di doverlo sostituire a breve con un altro più grande perché nel frattempo il piccolo di casa è cresciuto. Per quanto concerne la portata, invece, i trampolini si attestano su valori fra 100 e 200 chili, ma bisogna anche considerare l’eventualità, tutt’altro che remota, che il telo sia sovraccaricato da più saltatori, come i compagnetti dei figli (e lì ci può stare) o qualche buontempone già maggiorenne da un pezzo, grande e grosso ma col cervellino di un’oca, con tutto il rispetto per i simpatici bipedi.